IV Stazione

Gesù incontra sua madre

IV Stazione : Gesù incontra sua madre

Simeone disse a Maria: “Ecco. Egli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele, segno di contraddizione perchè siano svelati i pensieri di molti cuori. E anche a te una spada trafiggerà l'anima.” (Lc 2, 34-35).

“Sua madre serbava tutte queste cose nel suo cuore” (Lc 2, 51).

“Tutti voi che passate per la strada, osservate e vedete se c’è un dolore simile al dolore che mi tormenta” (Lm 1, 12).

MEDITAZIONE

Madre, o madre mia. Che bello che tu sia là! So bene che vedere il mio sangue ti trafigge l’anima. È per te, che sono là. Il Padre ha visto la mia sofferenza di oggi quando ha impastato la tua anima immacolata. Che cosa splendida che tu sia pura e immacolata da sempre. Che cosa splendida che ci sia oggi sulla terra qualcuno che mi sta vicino, qualcuno che dà gioia al Padre con me. Quale felicità che ci sia oggi con me qualcuno che non ha mai disubbidito al Padre, che non lo ha mai disconosciuto, abbandonato. O madre, madre mia Maria! Il mio cuore non ti ha mai abbandonato, ma ora che vado alla morte, tutto in me ritorna a te. Grazie di essere là, in questo m omento in cui i pensieri segreti di ciascuno vengono alla luce, in quest’ora in cui i miei discepoli sono lontano. Madre, la mia ora è venuta, è anche la tua ora. Io riscatto una folla immensa. Tu ne sei la regina, tu che la partorisci con me. Madre! Veglia con me. Coloro che il Padre ama non hanno più vino, io do loro questa vita che mi viene da te. Come mi hai insegnato quando ero piccolo, io obbedisco, obbedisco al Padre, a tutto ciò che mi dice.

Non possiamo dimenticare che dall’alto della croce Gesù guardò sua madre e Giovanni il discepolo prediletto. Affidò il discepolo a sua madre: “Donna ecco tuo figlio!” Indicò poi Maria al discepolo: “Ecco tua madre” (Gv 19, 26). A questo uomo solo, il discepolo che Gesù amava, Gesù assegnò Maria come madre in rappresentanza di ogni uomo, le affidò tutti gli uomini. Obbedienti alle parole del testamento del Cristo, ci affidiamo a Maria come a nostra madre.

PREGHIERA

O Madre,
la tua sofferenza è grande come il mare.
Ottienici di riconoscerla.
Il tuo cuore purissimo è il solo a poter realmente comprendere la sofferenza del tuo Figlio.
Trattienici dal compiere il male
e ottienici di entrare con te nel cuore di Gesù.

< >